Vai ai contenuti. | Spostati sulla navigazione

Sezioni

Bioedilizia e risparmio energetico nella nuova scuola materna di Povo (sobborgo di Trento)

 

Il progetto ha visto la costruzione di una nuova scuola materna a Povo (sobborgo di Trento) che si aprirà a settembre 2006 e che potrà contenere 100 bambini; la scuola materna ha delle caratteristiche ben precise che rispecchiano le indicazioni in materia di bioedilizia e risparmio energetico: grandi vetrate a sud, per catturare il calore naturale del sole, pareti isolanti, per non disperdere l'aria calda, pannelli fotovoltaici sul tetto, per produrre energia, lampadine che si spengono da sole se la luce naturale è sufficiente a illuminare le stanze. Per la costruzione sono stati utilizzati materiali naturali, riciclabili e prefabbricati, scelti per rendere più veloce e semplice la costruzione secondo i principi della bioedilizia.


Obiettivi:

mettere in pratica a Trento quei principi di bioedilizia e di risparmio energetico che ormai regolano la costruzione di gran parte dei nuovi edifici pubblici. Il costo finale è stato superiore rispetto a quello di una scuola costruita secondo le tecniche tradizionali, ma quello che è stato speso in più sarà presto recuperato: basti pensare che la scuola ha un consumo energetico pari a un terzo di un edificio "normale". E questo avviene non solo grazie al risparmio garantito dagli isolanti o dall'esposizione ottimale o dal recupero del calore: la scuola, infatti, grazie ai pannelli fotovoltaici, installati con il contributo della Provincia, produrrà anche energia che, nei mesi di chiusura - luglio e agosto - sarà ceduta all'Enel.


Esecuzione:

Quando metti piede nell'edificio, quel che colpisce è l'abbondanza di legno: legno per terra, legno sul soffitto. Al piano terra si trovano le aule (molto luminose e tutte affacciate sull'assolato giardino a sud), gli spazi comuni, per il sonno, il gioco, le attività motorie. A nord si trova un altro giardino, che sarà attrezzato con giochi e un "percorso sensoriale". Al piano superiore c'è la mensa, che dà direttamente su una grande terrazza e le cucine. Per andare a mangiare, i bambini non devono inerpicarsi su pericolose scale, ma possono utilizzare una comoda e sicura rampa, anche questa in piena luce grazie alle grandi vetrate che la sovrastano.


Effetti:

la nuova scuola materna di Povo è ormai pronta per accogliere - dal prossimo settembre - settantacinque bambini (la capienza massima è di cento) chiamati ad abitare uno spazio pensato secondo i più moderni criteri costruttivi: attenzione massima all'inserimento nell'ambiente, volumi accorpati per ridurre al minimo la dispersione di calore, studio dei materiali e delle dimensioni finalizzato al risparmio energetico.


Partecipanti:

Comune di Trento


Durata:

09.2004 - 06.2006


Finanziamento:

1.500.000 euro finanziati dal Comune di Trento e 2.500.000 euro finanziati dalla Provincia autonoma di Trento

 

Gap Chambéry Brig-Glis Sondrio Sonthofen Herisau Trento Bolzano Bad Reichenhall Bad Aussee Belluno Villach Maribor Idrija Annecy Lecco Chamonix Tolmin Tolmezzo karte_alpen.png

 

 

 

 
Strumenti personali